Kappa Di Picche

“Per capire chi vi comanda basta scoprire chi non vi è permesso criticare”

ITALIA GAME OVER (?)

 “Temer si dee di sole quelle cose
c’hanno potenza di fare altrui male;
de l’altre no, ché non son paurose.”

(Dante, Inferno. Canto II 88-90)

L’Italia, secondo Barroso, non starebbe facendo abbastanza. Non ha saputo fare “i sacrifici” fatti da Grecia, Spagna, Irlanda, Portogallo e Lituania. Ma le cose stanno veramente così? Vediamo nel dettaglio la situazione del nostro paese.

20140114-134334.jpg

Fig.1 – Panoramica generale Italia.

Dopo essermi occupato della Spagna vengo ora ad una dolorosa analisi sulle condizioni di salute del nostro paese, impresa improba, amara e dura. È sicuramente molto più semplice e tranquillizzante fare post di questo tipo guardando all’esterno, piuttosto che analizzare la situazione relativa al proprio Paese.

Coraggio calma e sangue freddo.

20140114-134153.jpg

Fig.2 – Italia, Germania e andamento partite correnti.

In Figura 2: possiamo osservare l’andamento delle partite correnti in due paesi. Sopra l’Italia e sotto la Germania. Dal 2001 la situazione si inverte, l’Italia crolla mentre la Germania cresce a tassi impressionanti. Non è ,a mio avviso, razionalmente possibile credere alla casualità degli eventi e cioè che l’entrata nell’Euro con il relativo regime a cambi fissi non abbia avuto GRAVI responsabilità in questo sfacelo. Chi sostiene “il caso” è in palese malafede.

20140114-134200.jpg

Fig.3 – Tassi d’interesse su prestiti al settore privato

In Figura 3 si vede l’andamento dei tassi d’interesse dei principali paesi dell’ Eurozona. Come già visto per  la Spagna, abbiamo un costo esagerato per l’accesso al credito. Situazione lievemente paradossale per una Unione Monetaria.

20140114-134401.jpg

Fig.4 – Produzione industriale dei principali paesi dell’ Eurozona e Stati Uniti dal 2000

Come si vede in Figura 4, prima dell’Euro i Paesi sopracitati correvano tutto sommato appaiati e competevano in maniera assolutamente paritaria. La moneta unica non ha fatto altro che ampliare le divergenze tra Paesi. Danneggiandone molti e avvantaggiandone sostanzialmente uno solo (indovinate chi?). Contrariamente a quanto scrive qualcuno, l’Italia non è “l’unico paese al palo”, ma è in triste compagnia.

20140114-134214.jpg

Fig.5 – Produzione Industriale Italiana

In Figura 5 possiamo vedere in blu l’andamento della produzione industriale italiana, e nel grafico a barre rosso, l’andamento del Pil reale rispetto anni precedenti. Tristemente esplicito e fin troppo chiaro.

20140114-134425.jpg

Fig 6 – Dettaglio produzione industriale italiana. Gennaio 2012-Dicembre 2013

In Figura 6 un triste e drammatico dettaglio per quello che riguarda il periodo relativo a Gennaio 2012-Dicembre 2013. Esultare per un +1,4% è a mio avviso completamente ridicolo. Non è detto che sia un inversione di tendenza, e c’è anche chi l’ha definita — argomentandone il perché — “il rimbalzo del gatto morto”. Si vedrà nel tempo se si manterrà questo trend, io onestamente lo ritengo del tutto improbabile sic rebus stantibus.

20140114-134253.jpg

Fig.7 – Ordini Industriali Italiani.

Nella Figura 7 è riportato in blu l’andamento degli ordini industriali italiani, nel grafico ocra a barre l’andamento del PIL. Sembrerebbe confermarsi il +1,4% dei due grafici precedenti (figure 5 & 6). Vale quanto detto sopra.

20140114-134223.jpg

FIg.8 – Crediti netti dell’ Eurosistema. Bilanci Target 2

In Figura 8 possiamo vedere la situazione tra crediti (in positivo) e debiti (in negativo) internamente al nostro fantastico Eurosistema. Il grafico (recente datato 12/01/2014) è basato su sistema Target2. Per un principio di simmetria imparato su Goofynomics è strano come i crediti di qualcuno (esportatori netti) siano i debiti di qualcun altro (importatori netti)…

20140114-134238.jpg

Fig 9. La fiducia delle imprese italiane in rapporto al Pil. In rosso la fiducia delle imprese ,nel grafico a barre blu l’andamento del Pil (calcolato in quadrimestri).

La Figura 9 descrive la fiducia delle imprese in Italia. Con una tassazione che supera il 70%, con una distruzione sistematica della domanda interna, con imprenditori che chiudono e  che si suicidano OGNI GIORNO, con una burocrazia assurda, che diamine di fiducia vuoi avere?

20140114-134245.jpg

Fig.10 – In blu l’indice di fiducia delle famiglie. In verde l’ andamento dei consumi interni

In figura 10 si osserva un calo della fiducia delle famiglie e, dalla fine del 2011, anche un crollo dei consumi (coerente con la distruzione della domanda interna attuata dal governo Monti).

20140113-102501.jpg

Fig.11 – Prestiti non restituiti alla scadenza.
In arancione la Spagna, in verde l’Italia.

In Figura 11: Prestiti non restituiti alla scadenza, anche qui credo sia superfluo aggiungere qualsiasi commento…

20140114-134310.jpg

Fig.12 – Detentori di Bond italiani. In rosso titoli di stato detenuti da residenti nel nostro paese.In verde titoli di stato detenuti da non-residenti nel nostro paese. In verde chiaro i prestiti in miliardi di Euro da parte della BCE alle banche italiane.

In Figura 12 possiamo vedere come cambia la proprietà dei titoli obbligazionari italiani. Nel 2011 (grazie alle politiche messe in atto dal governo Monti) investitori italiani si ricomprano titoli obbligazionari da speculatori stranieri. È palesemente ovvio, stiamo rimborsando speculatori stranieri (per essere più credibili???) e questo ci espone ad enormi rischi (non essendoci più grossi capitali investiti in titoli di stato…potremmo essere sacrificabili ai mercati).

20140114-134207.jpg

Fig.13 – Un dettaglio dei titoli di stato detenuti da non-residenti nel nostro paese.

In Figura 13 possiamo vedere un dettaglio dei titoli di stato detenuti da stranieri. Impossibile non notare il fatto che il Governo Monti abbia contribuito a rimborsare investitori stranieri. BADATE BENE! Sono stati rimborsati investitori stranieri, ma non è stato ridotto il debito pubblico (che la gestione Monti ha contribuito a far lievitare). Appare fin troppo chiaro che, ancora una volta, non sono stati fatti gli interessi del nostro paese. Non siamo assolutamente diventati più “credibili”.

20140114-134325.jpg

Fig.14 – Fondi della BCE destinati alle Banche Italiane. In blu prestiti della BCE alle nostre banche. In arancione andamento dello spread tra titoli italiani e bund tedeschi

Figura 14: possiamo vedere “il salvataggio” delle banche italiane da parte della BCE (in blu e riferito a miliardi di Euro) e l’andamento dello spread (in giallo e riferito a punti base)

20140114-134350.jpg

Fig.15 – Performance Banche Europee.

In Figura 15: Abbiamo l’andamento delle banche europee. Dopo Ltro(s) e il “whatever it takes” di Mario Draghi, questa è la situazione. La BCE non sa cosa sta facendo, in questa situazione gli stress test non faranno altro che peggiorare le cose procurando ulteriori danni ad un economia massacrata. Non è esclusa la possibilità che possa saltare qualche banca tra quelle più esposte, incluse ovviamente quelle del nostro paese.

20140114-134412.jpg

Fig.16 – Indice di miseria. Basato sulla somma del tasso d’inflazione e del tasso di disoccupazione.

In Figura 16: Indice di miseria.  Come abbiamo visto, la Spagna sta ottenendo ottimi risultati in entrambi i campi, noi invece in questo siamo perfettamente in linea con la zona euro. Il che non è un bene.

20140114-134418.jpg

Fig.17 – Non è una crisi di debito pubblico, è una crisi di debito privato!
(Grafico preso da Goofynomics)

Per figura 17 rimando qui. Ormai lo abbiamo capito (e a quanto pare lo stanno capendo anche molti folgorati sulla via di Damasco) che il problema NON È il debito pubblico. È una crisi di debito privato (ipse dixit). Su questo non c’è poi molto da aggiungere.

20140114-134431.jpg

Fig.18 – Tassi di disoccupazione nell’ Eurozona.

In Figura 18 possiamo vedere i tassi di disoccupazione nell’ Eurozona. Grecia (27,4% anche se nel grafico non c’è) Spagna con 26,7%, Italia con 12,7 e la media dei paesi dell’ Eurozona 12,10%

20140114-134318.jpg

Fig.19 – Disoccupazione giovanile europea.

In Figura 19 abbiamo la disoccupazione giovanile, lo stesso grafico utilizzato in precedenza per la Spagna. Con un 41,6% ci piazziamo al 3° posto dopo Grecia (59,2%) e Spagna (57,5%). È un grafico che si commenta da solo.

20140114-192639.jpg

Fig.20 – Andamento dei prezzi delle abitazioni. Anno base 1975.

Figura 20: andamento dei prezzi delle abitazioni. Sono evidentemente in calo,  e caleranno ancora, almeno per tutto il 2014-5, ed è una situazione simile a quanto avvenuto in Spagna (anche se non aggravata dalla bolla immobiliare). Del resto: con alta disoccupazione, alta flessibilità e condizioni estremamente precarie di molti lavoratori e credit crunch cosa è lecito e ragionevole attendersi dal settore immobiliare? Inoltre quando il ROI di un investimento immobiliare è doppio rispetto a quello in R&D, dove volete che vadano i soldi dei privati (finanziati dalle banche)?

20140115-150407.jpg

Fig.21 – Rapporto tra investimenti e Pil.

Figura 21:  Insieme con PIL e  consumi crollano anche gli investimenti da parte delle imprese che, come ritenuto da qualche illustre sognatore, dovrebbero investire maggiormente in Ricerca e Sviluppo. Per vendere a chi con una moneta così forte e inadatta alla nostra economia? Questo non è dato saperlo…

20140115-150414.jpg

Fig.22 – Reddito e propensione al risparmio.

In Figura 22 vediamo l’andamento del reddito e la propensione al risparmio. Si può vedere che il reddito cala in maniera importante, così come si registra un calo nella propensione al risparmio. Questo è dovuto al fatto che il 37% degli italiani è stato costretto a chiedere aiuto economico ai genitori per arrivare alla fine del mese. Storicamente siamo un popolo di risparmiatori, i dati ci dicono questo (e in BCE più di uno ci ha messo gli occhi sopra…) e in momenti di crisi il fenomeno si accentua.

20140115-150800.jpg

Fig.23 – Andamento occupazione e disoccupazione. In rosso occupati, in verde disoccupati.

Figura 23: Andamento numero  occupati e disoccupati. Terribilmente semplice e magnificamente tremendo. Cala l’occupazione, aumenta la disoccupazione. Sic et simpliciter.

La chiamano “ripresa” altrimenti nota come “luce in fondo al tunnel”. Dopo questa mia analisi estremamente semplice e sommaria, secondo me vi è più di un motivo per avere paura di chi VERAMENTE ci governa e detta insensate politiche suicide.

Postato da @KappaRar

14 commenti su “ITALIA GAME OVER (?)

  1. fernando
    16 gennaio 2014

    Quello che ho appena letto è tutto DRAMMATICAMENTE reale !!!!!!!!!

  2. jackthefelix73
    17 gennaio 2014

    Accipicchia, non ci fossero i grafici, sentendo i media italiani, si direbbe che siano vaneggiamenti…purtroppo è una pessima realtà quella che abbiamo di fronte. Si salvi chi può…Comunque complimenti per l’analisi, davvero ben argomentata, semplice da comprendere ed efficace

  3. otto
    17 gennaio 2014

    Capperi, complimenti per il lavoro! Chiaramente non è il caso di commentare i risultati….

  4. Pingback: L’ECONOMISTA PAOLO CARDENA’: VI DIMOSTRO COME L’EURO ED I SERVI DELLA TROIKA (MONTI &CO.) ABBIANO COMPLETAMENTE SFASCIATO LA NOSTRA ECONOMIA

  5. Attilio Rafferi
    17 gennaio 2014

    Analisi interessante. Ma alcune cose sono da precisare. La fig. 2 sulle partite correnti non è aggiornata. L’Italia è ora in surplus di partite correnti. Quest’anno chiuderà intorno a 20 miliardi di avanzo, pari a oltre l’1% del PIL. Rispetto ai circa 60 miliardi di disavanzo del 2011 si tratto di uno dei più straordinari casi di ribilanciamento dei conti con l’estero. Fatto non trascurabile e che spiega perfettamente il perchè del calo dei tassi italiani e dello spread. Che ovviamente continuerà. Fig. 12, detenzione dei bond italiani. E’ scritto: “nel 2011 (grazie alle politiche messe in atto dal governo Monti) investitori italiani si ricomprano titoli obbligazionari da speculatori stranieri. È palesemente ovvio, stiamo rimborsando speculatori stranieri”. E’ stato un fatto negativo? Assolutamente no. L’acquisto di titoli italiani da parte di soggetti domestici è avvenuto a prezzi di oltre il 30% più bassi di quelli attuali! In altri termini gli investitori esteri hanno fatto una figura da polli mentre gli investitori italiani hanno fatto un ottimo affare. Fig 13 evidenzia la quota di possesso attuale di debito italiano in mano a investitori esteri. Il 40% deve essere rivisto al ribasso. Infatti un 10% del totale sono investitori esteri che sono in realtà soggetti italiani: si tratta di sgr domestiche domiciliate in Lussemburgo e Irlanda. 10% del debito italiano è in mano alla BCE (investitore stabilissimo). Quindi solo il 20% del debito domestico è in mano a veri investitori esteri. Fatto negativo? No, poichè questo, come si è visto negli ultimi mesi, ha reso meno volatile l’andamento dei BTP. Inoltre ha posto in clamoroso sottopeso i fondi esteri relativamente al debito italiano, che pesa molto nei benchmark internazionali. Con perdite relative (poichè il debito italiano ha sovraperformato clamorosamente). La conseguenza è che i fondi esteri stanno oggi tentando di rientrare sul debito italiano. A prezzi molto più alti di due anni fa…(davvero dei polli).

    • kappadipicche
      18 gennaio 2014

      Gentile lettore,
      Innanzitutto la ringrazio per il suo commento estremamente articolato e attento.
      In merito alle partite correnti di fig 2. È stata mia cura aver portato all’attenzione di chi legge, come sia cambiato l’andamento tra le stesse nel periodo tra il 1996 ed il 2012, ovvero sul come si sia completamente invertita nel situazione pre/post Euro tra “la locomotiva d’Europa” è il nostro paese. Non ritengo assolutamente rilevante il seppur positivo surplus del 2013. È la classica vittoria di Pirro,dopo 12 anni completamente negativi spero non abbia prematuramente stappato lo champagne,anche se leggendo il suo ottimismo credo che sia tardi…peccato! Lei è una persona sicuramente informata in materia economica e sa bene che nulla può cambiare il fatto che ci attendono tempi ancora più duri (mi riferisco ai costi che avrà nel corso del tempo l’ attuazione del Fiscal Compact e del MES. Se a questo aggiungiamo la restituzione di LTROs c’è veramente ben poco di cui gioire…)
      Fig 12 e 13 Si. Il cambiamento della composizione negli assets dei bond italiani, può anche essere interpretato come correttamente ha fatto lei. Io onestamente mi sento molto meno ottimista e fiducioso… Non essendosi ridotto il tanto sbandierato e ansiogeno debito pubblico(ma anzi essendo drasticamente aumentato) qualche sospetto credo sia lecito averlo.
      Non capisco il perché di tanta fretta nel “nazionalizzare” un debito senza avere una banca centrale e una moneta sovrana, o meglio, lo capisco e lo sospetto come descritto nel post. I precedenti storici in materia ,purtroppo, non fanno che confermare i miei vili sospetti e non mi fanno ben sperare circa il perché e come siano state prese tali decisioni.
      Saluti.

    • ivan
      10 aprile 2014

      “L’Italia è ora in surplus di partite correnti.”

      E come ci siamo riusciti? Ah già… ” we have destroyed internal demand”.
      Cioè: disoccupazione, suicidi, aziende al collasso, stipendi sempre più verso il basso, etc etc
      L’operazione è riuscita perfettamente ma il paziente è ,morto.

  6. Pingback: Italia Game Over? | Scenarieconomici.it

  7. Pingback: ITALIA GAME OVER (?) | Il Contagio

  8. Pingback: IL SONNO DELLA RAGIONE GENERA MORTI | Kappa Di Picche

  9. Pingback: ITALIA GAME OVER (UN ANNO DOPO) | Kappa Di Picche

  10. Pingback: Vocidallestero » Italia Game Over (un anno dopo)

  11. Pingback: Italia Game Over (un anno dopo) | Extra! Extra! News

  12. Pingback: Mi prudono le mani… – Andrea Lignini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 14 gennaio 2014 da in Grafici, Italia.
Questo Non è Un Blog

« Giornalismo è diffondere ciò che qualcuno non vuole si sappia; il resto è propaganda. » — Horacio Verbitsky

Dieci righe

il blog di Eugenio Cipolla

A scuola con Matilde...

... apprendimento, DSA, Yoga per bambini, catechismo

@lemasabachthani

a trader's “cahier”

Il Contagio

[del conflitto generazionale e di altri futuri possibili]

L'orizzonte degli eventi

“Per capire chi vi comanda basta scoprire chi non vi è permesso criticare”

Voci dalla Germania

“Per capire chi vi comanda basta scoprire chi non vi è permesso criticare”

Goofynomics

“Per capire chi vi comanda basta scoprire chi non vi è permesso criticare”

Kappa Di Picche

“Per capire chi vi comanda basta scoprire chi non vi è permesso criticare”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: