Kappa Di Picche

“Per capire chi vi comanda basta scoprire chi non vi è permesso criticare”

IN NOME DEL POPOLO SOVRANO. (Fiuggi mon amour!)

20140310-103442.jpg

In nome del popolo sovrano”: è questo il titolo del primo congresso nazionale di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale che si è tenuto a Fiuggi sabato 8 e domenica 9 marzo.

L’assemblea del congresso, composta da 3150 grandi elettori, votati alle primarie del 22 e 23 febbraio, ha visto la partecipazione di 250mila cittadini e attraverso la stessa sono stati scelti il nuovo simbolo di FdI-An per le elezioni 2014 e il leader Giorgia Meloni, acclamata a Fiuggi Presidente Nazionale di Fratelli d’Italia.

Ho seguito con interesse il congresso di Fratelli d’Italia, azzeccatissimo il tema “In nome del popolo sovrano”. La sovranità al centro. Sovranità monetaria, politica ed economica.
Ho esultato con gioia alle dichiarazioni di Giorgia Meloni e alla svolta no euro.

La Meloni iscrive Fratelli d’Italia al club euroscettico con queste parole: «Non accettiamo di essere classificati come un paese maiale, perché in realtà noi siamo galline dalle uova d’oro. In queste condizioni all’Italia non conviene stare ancora nell’euro».

Guido Crosetto, un Gigante. Poco da aggiungere. Un intervento diretto e che parla al cuore.

Magdi Cristiano Allam

Significativo sentire anche il prof. Antonio Maria Rinaldi parlare al congresso, parole cariche di patriottismo di amore e di speranza. Tutte cose che latitavano da tempo. E’ un linguaggio diretto e carico di emozione, un rabbioso grido d’amore per una nazione massacrata.

Purtroppo per problemi tecnici con il sito di Radio Radicale non posso caricare ed embeddare gli interventi di Cesare Maria Ortis (qui) e di Antonio Triolo (qui), che meritano ampiamente di essere ascoltati.

C’è del buono a destra. Non è l’immobilismo di Forza Italia, non è il paraculismo opportunista di NCD. Soffia un vento di cambiamento e profuma di pulito.
Può trasformarsi in uragano e scuotere la nostra Italia proprio ora che ne ha più bisogno o può rimanere un “seppur piacevole” ponentino…
Dipende tutto dalla dirigenza e dalle scelte che verranno fatte.
È il momento del coraggio e di accettare sfide difficili che la nazione chiede.
L’Italia ha disperatamente bisogno di una nuova Destra sociale e popolare dopo anni di compromessi, questioni morali mai risolte e folli atti autolesionistici compiuti verso il proprio paese.
Non c’è più tempo per dubbi e passi indietro.

Troppo spesso si è confuso EURO con Europa, sono 2 cose nette e distinte, tragicamente agli antipodi…

La destra o è coraggio o non è, è libertà o non è, è nazione o non è, così vi dico adesso, la destra o è Europa o non è. E vi dico qualcosa di più: l’Europa o va a destra o non si fa.”

Sia chiaro al lettore che questo non è un inchino cieco, ma vuole essere un appello carico di speranze e di aspettative.

Speranze e aspettative che qualora fossero disattese mi vedrebbero tornare MALAMENTE sui miei passi… E ci siamo capiti 😉

Io ci credo…

20140310-131440.jpg

Postato da: @KappaRar

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10 marzo 2014 da in Uncategorized.
Questo Non è Un Blog

« Giornalismo è diffondere ciò che qualcuno non vuole si sappia; il resto è propaganda. » — Horacio Verbitsky

Dieci righe

il blog di Eugenio Cipolla

A scuola con Matilde

Apprendimento, DSA, yoga per bambini e.... tutto ciò che mi appassiona

@lemasabachthani

a trader's “cahier”

Il Contagio

[del conflitto generazionale e di altri futuri possibili]

L'orizzonte degli eventi

“Per capire chi vi comanda basta scoprire chi non vi è permesso criticare”

Voci dalla Germania

“Per capire chi vi comanda basta scoprire chi non vi è permesso criticare”

Goofynomics

“Per capire chi vi comanda basta scoprire chi non vi è permesso criticare”

Kappa Di Picche

“Per capire chi vi comanda basta scoprire chi non vi è permesso criticare”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: