Kappa Di Picche

“Per capire chi vi comanda basta scoprire chi non vi è permesso criticare”

SCHAEUBLE E SUMMERS DIBATTONO LA PSICOLOGIA DELLE RIFORME ECONOMICHE

Vi avevamo proposto qualche giorno fa la traduzione del, a tratti sorprendente, annuncio dell’ex ministro USA Larry Summers sul bisogno di incentivare politiche macroeconomiche incentrate su investimenti pubblici per sostenere e stabilizzare la crescita economica. A contraltare di questa affermazione pubblica ritroviamo le non sorprendenti parole del Ministro delle finanze tedesco Schaueble, paladino dell’austerità attualmente applicata nei paesi dell’eurozona, il quale, durante un incontro pubblico con lo stesso Summers, riafferma nuovamente il dovere dei governi di continuare sulla strada dell’austerità risanando i propri conti pubblici e introducendo maggiore flessibilità sul mercato del lavoro. L’episodio risulta di interesse perché pone davanti allo specchio le due visioni che attualmente circolano sulle due sponde dell’Atlantico. Quella americana, impronatata ad un certo pragmatismo ed alla risoluzione dei problemi attraverso le formule economiche più adatte al contesto su cui intervenire; e quella tedesca, contraddistinta dalla assoluta mancanza di flessibilità e dalla cieca osservanza di norme prescrittive della cui efficacia economica in molti iniziano a dubitare.

 

Schaeuble/Summers

Il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble, a destra, parla nel corso di una tavola rotonda in occasione delle riunioni annuali del Fondo monetario internazionale a Washington giovedi, mentre l’ex segretario del Tesoro Lawrence Summers lo osserva.
Mandel Ngan / Agence France-Presse / Getty Images (via WSJ)

 

E’ necessario che gli europei debbano avere le spalle al muro prima di accettare un cambio di rotta, o un periodo di crescita e creazione di posti di lavoro potrebbe fare in modo che essi abbiano più intenzione di agire in tal senso?

Questa è una delle domande al cuore del dibattito su ciò che si deve fare per spingere l’eurozona fuori da questo prolungato periodo di inflazione molto bassa a crescita anemica. E se ne è avuta una risposta questo giovedì durante una tavola rotonda all’incontro annuale del Fondo Monetario Internazionale.

Da un lato era seduto il Ministro delle Finanze tedesco Wolgang Schaueble, difensore dell’attuale strategia sull’eurozona, che consiste nel continuare a tagliare i deficit pubblici ed al contempo perseguire riforme strutturali per incentivare la crescita, quali ad esempio le modifiche delle leggi sul lavoro per rendere più facile assumere e licenziare, ed eliminando dannose distinzioni tra lavoratori vecchi e con molte tutele e lavoratori giovani disoccupati, o, se occupati, con poche tutele.

Visto che l’economia dell’eurozona si è indebolita negli ultimi mesi, tale strategia è stata messa in discussione all’interno ed al di fuori dell’unione monetaria. Tuttavia in una discussione durante una tavola rotonda sulla difficile situazione dell’unione monetaria, il Min. Schaueble ha dimostrato indifferenza. “I governi europei devono attenersi alle riforme strutturali e alle regole di bilancio”.

Intervenendo al medesimo incontro, l’ex Segretario di Stato USA, Lawrence Summers non è stato d’accordo. “Virtualmente ogni anno, la crescita è più debole di quanto previsto. Avete bisogno di un atto di discontinuità con questa strategia”, ha detto. “Noi ci stiamo confrontando con qualcosa che si avvicina molto alla Grande Depressione”.

Summers sostiene che i governi dell’eurozona dovrebbero allentare i cordoni della borsa e iniziare a spendere di nuovo, in particolare sui progetti infrastrutturali.

Ma il disaccordo sulle politiche è basato in parte sui diversi punti di vista riguardo la psicologia. Nella visione di Schaeuble, è improbabile che le nazioni della zona euro accettino i cambiamenti fondamentali nel modo in cui il mercato del lavoro e gli e altri mercati operano, a meno di non sperimentare gli effetti negativi di un’economia senza riforme.

La disponibilità ad apportare modifiche è maggiore se la popolazione sente una certa pressione” – ha detto. “Non appena si dispone di un certo successo, il rischio di compiacimento è molto più alto”.

Per Summers, è improbabile che le persone sotto pressione abbraccino il cambiamento.

“Rafforzare la domanda ed evitare la deflazione rendono più facili le riforme strutturali”, ha detto. “Non conosco alcun caso in cui la deflazione sia stato un potente stimolo alle riforme strutturali.”

Schaeuble trova sostegno per la sua visione nei cambiamenti portati avanti da nazioni che hanno dovuto chiedere salvataggi del Fondo Monetario Internazionale e dell’Unione Europea e soggette alla supervisione di queste istituzioni, insieme con la Banca Centrale Europea. Per Summers, poco è stato fatto, con le stesse nazioni ancora gravate da alti livelli di debito e con l’eurozona stabilizzata a un costo troppo alto.

Postato da @arthasastra85 e @spud85

Un commento su “SCHAEUBLE E SUMMERS DIBATTONO LA PSICOLOGIA DELLE RIFORME ECONOMICHE

  1. Pingback: Riforma del Lavoro, questa sconosciuta… | Global Truth

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Questo Non è Un Blog

« Giornalismo è diffondere ciò che qualcuno non vuole si sappia; il resto è propaganda. » — Horacio Verbitsky

Dieci righe

il blog di Eugenio Cipolla

ascuolaconmatilde.wordpress.com/

Apprendimento, DSA, yoga e tutto ciò che mi appassiona

@lemasabachthani

a trader's “cahier”

Il Contagio

[del conflitto generazionale e di altri futuri possibili]

L'orizzonte degli eventi

“Per capire chi vi comanda basta scoprire chi non vi è permesso criticare”

Voci dalla Germania

“Per capire chi vi comanda basta scoprire chi non vi è permesso criticare”

Goofynomics

“Per capire chi vi comanda basta scoprire chi non vi è permesso criticare”

Kappa Di Picche

“Per capire chi vi comanda basta scoprire chi non vi è permesso criticare”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: